Bonus pubblicità 2018

Il Decreto Legge 24 aprile 2017 n. 50 ha introdotto incentivi fiscali agli investimenti pubblicitari  incrementali  su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive  e  radiofoniche locali e misure  di  sostegno  alle  imprese. Questo bonus fiscale per investimenti pubblicitari funziona sotto forma di credito d'imposta e tale beneficio sarà attribuito nel 2018 con gli investimenti pubblicitari effettuati a partire dal 24/06/2017.

I contribuenti che possono beneficiare del bonus investimenti pubblicitari, sono:

  • Lavoratori autonomi, ivi compresi i professionisti;
  • Imprese: di qualsiasi natura giuridica.

requisiti bonus pubblicità, non sono stati ancora ufficializzati perché manca ancora il decreto attuativo.

Già si sa comunque che per beneficiare del bonus pubblicità 2018 occorre che:

  • nell'anno precedente alla domanda del bonus, si siano effettuati investimenti pubblicitari;
  • che tali investimenti, nel 2018, siano maggiori di almeno l'1% rispetto al 2017.
  • che l'investimento in campagne pubblicitarie avvenga su:
    • quotidiani e periodici;
    • emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Quindi a partire dal 2018, i professionisti, lavoratori autonomi e le imprese di qualsiasi natura giuridica, potranno beneficiare di un credito d'imposta pari a:

  • 75%del valore incrementale degli investimenti effettuati;
  • 90%del valore incrementale nel caso in cui gli investimenti siano effettuati da parte di microimprese, PMI e cioè dalle piccole e medie imprese e start up innovative.

Il credito sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione, mediante il modello F24, previa istanza diretta al dipartimento per l’Informazione e l’editoria della presidenza del Consiglio dei ministri.

Gli obiettivi di questa manovra sono incentivare le imprese e i lavoratori autonomi ad impiegare strumenti pubblicitari al fine di accrescere e sviluppare la propria attività e sostenere il comparto dell’editoria e dell’emittenza radiofonica e televisiva locale.

Lo studio rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti.

SCARICA ARTICOLO IN FORMATO PDF