Bonus ricerca per gli specializzati-Nuove startup-Novità fiscali: coppie di fatto

Bonus ricerca per gli specializzati

Viene attivato il bonus ricerca anche per l’impiego di lavoratori altamente specializzati, utilizzando il contratto di somministrazione. L’agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 55/E, ha mostrato l’equiparazione del contratto di somministrazione con quello di lavoro dipendente. L’abito di discussione è il credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo, disciplinato dall’articolo 3 del Dl n. 145/2013.

Nuove startup: registro e bollo viaggiano in F24

 Si può ora versare tramite F24 l’imposta di registro, l’imposta di bollo e i relativi interessi e sanzioni connessi alla registrazione degli atti costitutivi delle startup innovative previste dal Dl n. 179/2012 e costituite secondo le modalità stabilite dal Dl n. 3/2015. Viene esteso così l’utilizzo del modello anche a queste tipologie di tributi, in modo da semplificare gli adempimenti e garantire una maggiore efficienza nella gestione dei versamenti. Fino al 31 luglio 2016 gli stessi pagamenti potranno essere effettuati anche con il modello F23, utilizzando i relativi codici tributo ordinariamente previsti per la registrazione degli atti privati. La registrazione dei suddetti atti costitutivi è effettuata con modalità innovative mediante posta elettronica certificata attraverso le funzionalità messe a disposizione nella piattaforma startup.registroimprese.it.

Novità fiscali: coppie di fatto

Per ottenere il riconoscimento dell’unione di fatto, ai fini fiscali - per beneficiare, ad esempio, del bonus mobili previsto dalla legge di Stabilità 2016 - deve essere stata presentata una dichiarazione di convivenza all’anagrafe. La residenza anagrafica comune dei due conviventi può, pertanto, costituire la “prova”, ai fini fiscali, del requisito della convivenza.

SCARICA ARTICOLO IN FORMATO PDF