Domande incentivi per Fonti rinnovabili-Nuova disciplina: Abuso del diritto-Terreni agricoli: via l’IVA se diventano edificabili

30 Agosto: Domande incentivi per Fonti rinnovabili

Dal 30 agosto le domande per accedere ai meccanismi d’incentivazione delle rinnovabili diverse dal fotovoltaico. Il GSE pubblica i bandi relativi ai registri e alle procedure d'asta per l’accesso ai meccanismi di incentivazione previsti dal decreto ministeriale del 23 giugno 2016 per la produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici. Gli incentivi verranno assegnati attraverso procedure di aste al ribasso differenziate per tecnologia per gli impianti di grandi dimensioni (>5 MW), mentre gli impianti inferiori a tale soglia dovranno chiedere l’iscrizione ad appositi registri. I registri verranno chiusi improrogabilmente il 28 ottobre 2016, mentre le procedure d’asta il 27 novembre 2016.

Nuova disciplina: Abuso del diritto

La nuova disciplina sull’abuso del diritto  è applicabile anche ai diritti doganali: la nuova norma, si estende a tutti i tributi senza alcuna limitazione. L’eventuale rilevanza penale delle condotte illecite in materia di dazi, non va però esclusa a prescindere, poiché occorre verificare se si tratta di una violazione diretta ovvero di elusione, come tale non più penalmente rilevante. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 35575 del 29 agosto 2016.

Terreni agricoli: via l’IVA se diventano edificabili

I terreni agricoli che diventano edificabili possono essere venduti dall’imprenditore agricolo scontando l’imposta di registro proporzionale invece dell’Iva. Lo ha precisato la Corte di Cassazione in un’ordinanza del 6 giugno scorso. Con l’ordinanza la Corte rigetta il ricorso dell’Agenzia delle Entrate che sosteneva l’applicazione dell’Iva e quindi dell’Irap. Secondo i giudici il terreno, divenendo edificabile, perde la sua qualità di bene strumentale per l’impresa e, pertanto, non rientra tra le operazioni imponibili ai fini Iva, di cui al Dpr 633/1972.

SCARICA ARTICOLO IN FORMATO PDF