NEWS ITALIA

IVA REVERSE CHARGE

L'espressione “REVERSE CHARGE”  si colloca nella terminologia Iva e indica il meccanismo dell'inversione contabile che praticamente elimina la detrazione dell'Iva sugli acquisti. Se infatti il cliente si è (auto)qualificato, di fronte ai propri fornitori, come imprenditore o professionista, l'Iva non viene applicata, e quindi mancano i presupposti per la detrazione. Se invece il cliente si è qualificato come consumatore finale, subendo l'addebito dell'Iva, proprio per questo la detrazione è parimenti esclusa. Il reverse charge IVA rappresenta quindi un meccanismo contabile e fiscale la cui finalità è quella di eliminare l’evasione dell’IVA, una delle imposte più evase nel panorama europeo. A decorrere dal 2 maggio 2016, il D.Lgs. n. 24/2016 ha esteso il reverse charge alle cessioni di console di gioco, tablet PC e laptop.

 

PREMI DI PRODUTTIVITÀ 2016

È stata ripristinata dalla legge di Stabilità, per l’anno 2016, la detassazione dei premi produttività, beneficio riservato ai lavoratori del settore privato, previsto in via sperimentale dal 2008 e sospeso per l’anno 2015 a causa della mancanza di risorse finanziarie.

 

RECUPERO IRAP PER PROFESSIONISTI CON DIPENDENTE GENERICO

Niente Irap per i professionisti con un solo collaboratore che svolge mansioni di segreteria  in seguito alla sentenza della Cassazione n. 9451 del 2016. Da ora in avanti dovranno essere accertate le mansioni svolte dal dipendente o collaboratore sulla base delle risultanze del contratto e, ove possibile, dell’attività dallo stesso effettivamente svolta.

SCARICA ARTICOLO IN FORMATO PDF