Nuovi orizzonti fiscali e societari: Irlanda

L'Irlanda (in irlandese: Éire, in inglese: Ireland), è uno stato membro dell'Unione europea, costituito come repubblica indipendente e sovrana, che ricopre approssimativamente cinque sesti dell'omonima isola situata a nordovest della costa occidentale dell'Europa. Per aprire un’impresa in Irlanda nel 2016 bisogna innanzitutto conoscere come funziona il sistema irlandese dal punto di vista burocratico e fiscale. Una volta avute queste informazioni, si può procedere ad effettuare le pratiche per aprire un’impresa che vanno dalla scelta del tipo di attività e compagnia che si intende aprire alla documentazione da presentare fino ad arrivare all’apertura di un conto corrente in Irlanda. Perché il vantaggio di aprire una ditta in Irlanda, è quello di iniziare un nuovo progetto di business in uno dei pochi paesi in cui è ancora possibile fare impresa, basti pensare che nel 2011 questa nazione è risultata al primo posto tra i paesi in Europa, in termini di investimenti stranieri che sono aumenti del 30% e hanno creato più di 13.000 posti di lavoro. Questo primato, non sembra affatto decrescere anzi l’Irlanda punta a diventare entro il 2016, il paese con il più alto investimento straniero di tutto il mondo. In Irlanda oltre ad avere le più basse imposte sui redditi di impresa, un sistema fiscale irlandese solido e molto snello, ha il vantaggio di avere anche la più giovane popolazione d’Europa con una media nazionale che si attesta sui 25 anni, affitti bassi rispetto alla media europea ma soprattutto perché già da tempo ha messo in campo una politica economica basata sulla progressiva diminuzione della pressione fiscale per attirare e trattenere i capitali, favorendo così gli investimenti stranieri e nazionali. Per chi intende aprire un’impresa in Irlanda, deve sapere innanzitutto quali tipi di società, ditte e imprese sono previste dalla legislazione irlandese.

SCARICA ARTICOLO IN FORMATO PDF